La cucina di Albert vista da “Fondazione A-Tono”

“Negli ultimi anni abbiamo visto aumentare l’arrivo in Italia di bambini e ragazzi senza i propri genitori”, spiega Giuseppe Caspani, Vicepresidente di A-Tono Onlus, che ha individuato e proposto la nostra “Cucina di Albert” come progetto idoneo e meritevole di essere sostenuto. “Incapaci di comunicare e di prendersi cura di sé – continua – molti di loro finiscono nelle mani della criminalità. A-Tono Onlus ha sostenuto Oklahoma in maniera diretta e concreta per dare vita a ciò in cui crediamo, rendendo possibile un sogno: aiutare questi ragazzi e donargli un futuro”. A-Tono Onlus ha contribuito con una donazione che ha permesso di strutturare un laboratorio nella cucina della comunità e che dà ad Oklahoma Onlus la possibilità di attuare un progetto continuativo. In questo video vediamo il laboratorio dal loro punto di vista (di “comunicatori digitali”).

Share

Un commento su “La cucina di Albert vista da “Fondazione A-Tono””

I commenti sono chiusi.