La cucina di Albert

Progetto educativo

logo_Cucina-di-Albert

Niente come sapori e cibo è in grado di creare legami profondi e superare barriere culturali e pregiudizi.
Il laboratorio educativo La Cucina di Albert è nato nel 2017 per insegnare ai ragazzi ospiti della Comunità le basi della cucina e del servizio di sala, affinché possano essere autonomi e indipendenti, e imparare un mestiere.

Grazie all’approccio informale e laboratoriale educatorə e volontariə consolidano il rapporto con i ragazzi, creando un legame profondo, di fiducia e rispetto reciproco.

Il modulo Piatti di casa, grazie alla preparazione di piatti tradizionali delle diverse cucine del mondo, fa comprendere che non esiste una sola “tradizione”: ognuno ha la propria e ognuna va rispettata.

Preparare insieme la ricetta e sedersi intorno allo stesso tavolo elimina in poche ore pregiudizi e barriere.
Di fronte ad un piatto semplice siamo tuttə uguali.

Da settembre 2020 La Cucina di Albert produce Le Conserve di Esopo: confetture e barattoli fatti a mano con amore dai ragazzi e dallo staff del laboratorio.

Educatrice Responsabile: Rocio Balseca
rocio.balseca@oklahoma.it

AZIENDA SOSTENITRICE

Il XI modulo di La Cucina di Albert è parte del progetto Brugole e Fornelli realizzato grazie al contributo 8×1000 della Chiesa Valdese.

8x1000 Chiesa Valdese

Brugole e Fornelli

CHI

Ogni modulo porta avanti un gruppo di 4/6 minori ospiti provenienti dalle due comunità della sede di Milano, ma la Cucina di Albert è sempre piena di amici e volontari, luogo di incontro attorno alla buona cucina!

COME

I ragazzi e i volontari, aiutati da una educatrice responsabile, si incontrano nella grande cucina della Comunità per tutto il pomeriggio, preparando pasti sia per la Comunità, sia per ospiti e occasioni particolari.

QUANDO

Un pomeriggio alla settimana (attualmente il mercoledì), con diverse altre occasioni di volontariato per i vari eventi. Un modulo dura indicativamente da settembre a gennaio, l’altro da febbraio a giugno.

E POI?

Al termine del modulo il ragazzo è autonomo nella preparazione dei pasti e nella spesa alimentare, integrando la cucina del proprio paese d’origine con quella italiana e le altre incontrate. Per alcuni la ristorazione diviene un promettente sbocco lavorativo.

Volontari nella Cucina di Albert

La video presentazione realizzata dalla Fondazione A-Tono, sponsor che ha generosamente permesso l’avvio del Laboratorio nel 2017!

DAL NOSTRO DIARIO, DALLA CUCINA DI ALBERT