Conserviamo Valori | Ottava ed. Laboratorio di Cucina di Albert

Le Conserve di Esopo è un laboratorio di cucina transgenerazionale antispreco realizzato dai ragazzi della Comunità Oklahoma del laboratorio La cucina di Albert insieme alle Donne Simpatiche del Centro Culturale Conca Fallata Arci Aps e al Sindacato Pensionati SPI – CGIL.

Realizzato grazie al contributo del Municipio 5 del Comune di Milano e di PayPal Gives Fund.
Il progetto nasce dall’amore per la cucina, il territorio e la cultura del riciclo come strumenti di formazione, crescita e pratica relazionale.

Qualche numero

12 INCONTRI

6 minori ospiti della Comunità Oklahoma coinvolti
lo staff di laboratorio La Cucina di Albert (1 coordinatrice e 5 volontari)
6/8 anziani e anziane del quartiere per l’Associazione Culturale La Conca Fallata ASP e il Sindacato SPI – CGIL


377 barattoli di conserve e confetture prodotti

Una sfida d’amore.

Coinvolgere gli anziani de La Conca Fallata e dello SPI – CGIL è stata una riscoperta della ricchezza umana che ci offre il nostro territorio, della generosità di donarci il loro tempo, di raccontare il loro vissuto. È un’esperienza che ha arricchito noi e che ha coinvolto loro perché li ha portati a rispolverare le ricette delle nonne, delle mamme e delle amiche, a cercare pezzi di stoffa dimenticati da tempo in un cassetto, ad andare a caccia di bottoni e tappi. Hanno riscoperto l’arte di insegnare a fare le cose con cura, spiegando il valore del tempo e la capacità di improvvisare, inventando ricette per valorizzare ciò che ci è stato donato, tagliando la frutta e conservando gli scarti per l’orto. Hanno abbandonato l’iniziale diffidenza ispirata da un luogo nuovo, scoprendo che, nell’arco di pochi minuti, i nostri ragazzi che frequentano il laboratorio sanno conquistare il loro cuore. Con mani sapienti e con l’aiuto di un sorriso, hanno saputo fornire indicazioni precise anche ai ragazzi appena arrivati che non parlano l’italiano. In poche parole, hanno ricoperto la figura dei nonni e delle nonne.
La cucina di Albert vive di profumi e di spezie, frutta, zucchero caramellato: di tutti i segreti che negli anni sono stati custoditi per tramandare alle nuove generazioni il nostro sapere. Ci fa viaggiare nel tempo, operosi e curiosi di assaggiare il prodotto finale, provando sempre soddisfazione per il lavoro svolto.
Ancora non abbiamo chiuso l’ultimo vasetto e già pensiamo a cosa organizzare per il prossimo appuntamento. Vivere il tempo è sentirsi esseri liberi.
Tutti questi ingredienti sono in ogni vasetto di marmellata, di chutney o di sugo.
Finito il laboratorio, ognuno torna alla propria quotidianità. Siamo tutti diversi per età e provenienza, ma abbiamo la certezza di aver costruito un legame che nel tempo continueremo a conservare.


di Rocio Balseca | Coordinatrice, educatrice e Responsabile del Progetto per la Comunità Oklahoma

Share