Pubblicato Oklahoma City 2002

È colpa mia! Confesso davanti a tutti i lettori di Oklahoma news che fin da piccolo volevo diventare direttore di giornale, fortunatamente per i possibili fruitori della mia ipote- tetica testata ho intrapreso una strada diversa. Oggi sono un grafico pubblicitario, e grazie a questo e all’opportunità di collaborare con Oklahoma ho potuto in parte realizzare il mio sogno. È colpa mia, e della mia mai repressa voglia di reda- zione se da questo numero il giornalino di Oklahoma ha cambiato faccia. Tutti gli affezionati della comunità, avranno potuto notare che il marchio è cambiato, abbiamo deciso di salutare il mitico treno che ha accompagnato tutti i ragazzi fino ad oggi, per passare ad una nuova immagine, che, spero sia apprezzata e di vostro gradimento. Volevo approffittare di questo piccolo spazio per ringraziare e fare i miei complimenti a tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione di questo numero di Oklahoma News, e in modo particolare a coloro che hanno dedicato il loro tempo libero alle riunioni orga- nizzative e di redazione (si proprio redazione… ce l’ho fatta). Un grazie a Lucia, Frida, Sara, Silvano, Alberto, e al Grande Capo e amico Giampaolo Premoli che mi ha dato la possibilità di conoscere certe realtà e splendide persone che dedicano loro stessi ad una nobile causa. Il direttore autonominato di un giornale può cambiare o essere defenestrato (vi prego non fatelo!!), ma mai cambierà lo spirito e la voglia delle persone che lavorano per Oklahoma. Il vostro autonominatosi quasi direttore (non lo sapeva nessuno).

Stefano

OklahomaCity_208 copertina

LEGGI PDF

Share