Comunità Alloggio Arizona

In breve ^

Tipologia di servizio
Comunità alloggio
Ubicazione
Milano, quartiere Gratosoglio
Ricettività
10 posti
Accoglienza
Minori maschi dai 13 ai 18 anni di età
Portatori di handicap
Accolto solo handicap fisico non grave
Patologie psichiatriche
Sono valutate le richieste di inserimento su disagio psicologico non grave se esistono risorse esterne già attivate per il sostegno psicologico compatibilmente al gruppo di ragazzi presente al momento.
Personale

  • n. 1 coordinatore
  • n. 5 educatori
  • mediatori linguistico-culturali al bisogno
  • personale ausiliario, volontari e tirocinanti
Apertura
Tutto l’anno 24h su 24
Servizi Offerti
Servizio educativo con personale qualificato, orientamento e inserimento scolastico, attività sportive e del tempo libero, lavoro con le famiglie, progetto educativo individuale (PEI) con sua verifica ed eventuale riprogettazione.
Standard
La struttura dispone di tutti gli standard strutturali e gestionali previsti dal piano Socio Assistenziale della regione Lombardia per l’autorizzazione al funzionamento.

In generale ^

La Comunità Alloggio Arizona accoglie 10 ragazzi dai 13 ai 18 anni e offre un contesto di accoglienza stabile per ragazzi che abbiano espresso bisogni e buone capacità di adattamento a un contesto simile per la loro crescita.

La permanenza tende ad essere piuttosto lunga e la stabilità di relazioni, sia con i coetanei che con gli educatori, permette un buon livello di approfondimento dei problemi e di approccio alle soluzioni.

L’équipe è formata da 5 educatori, un coordinatore e mediatori linguistico-culturali al bisogno.

Alcuni ospiti provengono dalle altre comunità di Oklahoma Onlus.

Qui puoi apprendere di più sul metodo Oklahoma.

Destinatari del servizio ^

La comunità Arizona accoglie ragazzi sui quali sia già stato effettuato un lavoro di osservazione e per i quali si attivi un percorso progettuale di permanenza in comunità. Se per il ragazzo è già stato elaborato il PEI, l’équipe coordina le sue verifiche ed eventuali modifiche, altrimenti elabora il progetto sulla base dell’osservazione già svolta attraverso un lavoro di osservazione continua.

La comunità può lavorare anche con ragazzi in carico all’UONPIA se già nella fase di Pronto Intervento si è verificato che la collaborazione tra équipe educativa e UONPIA è buona e soddisfa il bisogno di benessere del ragazzo, rendendo così adeguato il nostro contesto comunità.

Il contesto offre tutti i servizi necessari a sostenere la crescita dei minori: gestione degli aspetti relativi alla salute, l’orientamento scolastico e/o lavorativo, il sostegno degli educatori, la progettualità di attività sportive e per il tempo libero, il lavoro con i familiari, la socializzazione interna al gruppo e verso l’esterno, l’accertamento psicodiagnostico, l’eventuale assistenza psicologica se necessaria.

La stabilità dei gruppo ragazzi permette un lavoro di gruppo molto accurato, sia rispetto alle dinamiche delle relazioni tra ragazzi, sia rispetto a momenti formativi e di socializzazione. La permanenza in comunità, tendenzialmente lunga, offre la possibilità di costruire un’esperienza forte attraverso le strutture che l’intero ente offrre.

A fine percorso si lavora in modo particolare sullo sviluppo delle autonomie: a partire dalle autonomie domestiche, fino allo sviluppo della capacità di svolgere pratiche burocratiche e di accesso ai servizi territoriali. Infine si lavora sulla preparazione all’uscita definitiva dalla comunità, con il sostegno nella ricerca di un’occupazione lavorativa, eventualmente attraverso una borsa lavoro, e di una sistemazione abitativa.

L’approccio educativo in Arizona è diverso da quello di Prima Accoglienza e più modulato secondo i bisogni che il ragazzo esprime, secondo la fase che sta attraversando (iniziale, centrale, finale..). Per esempio in fase finale l’équipe educativa può decidere di lasciare “spazi liberi” d azione al ragazzo o al gruppo, ponendosi come “affiancamento” e come interlocutore per svolgere una verifica su come gli “spazi liberi” siano stati utilizzati.

Una particolare attenzione viene data agli aspetti psicologici relativi alle paure e alle aspettative rispetto all’inserimento nel mondo del lavoro e all’uscita definitiva dal contesto protetto della comunità.

Modalità di funzionamento e ammissione ^

La comunità accoglie e valuta richieste di inserimento che non richiedano tempi troppo stretti, in quanto tende ad osservare il minore all’interno della struttura e nel gruppo al momento presente.

Le modalità per l’inserimento sono:

  • Invio di una relazione all’équipe della comunità dai Servizi Sociali incaricati
  • Dichiarazione di disponibilità o meno a valutare il caso e indicazione dei tempi approssimativi per l’accoglienza
  • Presentazione del caso all’équipe e della documentazione già esistente
  • Visite e colloqui con il minore nella struttura
  • Verifica sui contenuti dei colloqui e delle osservazioni svolte e definizione dell’eventuale inserimento
  • Accoglienza.

Un pensiero su “Comunità Alloggio Arizona

  1. Pingback: Attività di prevenzione dell’uso di sostanze | Comunità Oklahoma Onlus

I commenti sono chiusi.