Archivi categoria: Diario

CiclOklahoma Go!! La ciclofficina Oklahoma 2018

La ciclofficina Oklahoma ha una lunga storia che inizia nel 2008, quando tutti i ragazzi riuscivano addirittura a costruire le proprie biciclette, e per due estati era stato realizzato il sogno di una vacanza in bicicletta tutti insieme, da Milano alla Toscana, conclusa con un campeggio al mare. Leggi di più sulla ciclofficina sul nostro sito.

Nel 2016 grazie a tantissimi amici e a una raccolta fondi dedicata siamo riusciti a riaprire la ciclofficina, che era rimasta a regime ridotto per molto tempo. Recentemente però la persona che se ne occupava ha dovuto interrompere…

Nel 2018, grazie all’aiuto del nostro nuovo amico e volontario Marco, ora siamo pronti a ricominciare!!

La Ciclofficina riparte ad aprile con un nuovo progetto, e i ragazzi non vedono l’ora di iniziare. Fervono i lavori per sistemare gli spazi, mettere in ordine e recuperare quello che manca, e anche mettere in pista un piccolo progetto di avviamento al lavoro.

Il nuovo progetto prevede un primo modulo, da aprile a luglio 2018, il martedì pomeriggio dalle 15 alle 18. Coinvolgerà inizialmente tre ragazzi. Nella ciclofficina i ragazzi si sperimentano tra freni, camere d’aria e manubri, imparando ad usare estrattori, chiavi inglesi e brugole.

Obiettivo: sistemare il parco biciclette della Comunità e prepararsi a un’uscita speciale che si terrà a luglio… ovviamente in bici!

In comunità, laboratori come la Ciclofficina CiclOklahoma svolgono l’importante funzione di arricchire di stimoli e di occasioni educative la quotidianità dei minori ospiti, ma anche, in prospettiva, significano l’apertura della Comunità verso il mondo esterno del quartiere, delle imprese e dei consumatori responsabili.

Per fare tutto questo, e per mantenere sia la continuità che un elevato standard di qualità, ci servono alcune preziose risorse economiche che permettano una collaborazione professionale, una manutenzione e un aggiornamento continuo e un lavoro di accompagnamento, organizzazione e network. Chiediamo aiuto ad amici, benefattori e appassionati di bicicletta e di sport: keep CiclOklahoma going!!!

PER DONARE POTETE UTILIZZARE LA RACCOLTA FONDI SU RETE DEL DONO!!

OPPURE DESTINARE UNA DONAZIONE FATTA CON LE CONSUETE MODALITÀ

GRAZIE!!

Ecco cosa possiamo finanziare con le vostre offerte:

  • 20 euro: un’ora di affiancamento educativo ai ragazzi nella ciclofficina
  • 10 euro: una catena da 3 a 8 velocità
  • 15 euro: un estrattore di pedivelle
  • 60 euro: compressore per gonfiaggio pneumatici
  • 40 euro: quattro copertoni
  • 25 euro: quattro camere d’aria
  • 40 euro: un cavalletto supporto per manutenzione bicicletta
  • 30 euro: una morsa da banco
  • 30 euro: kit luci completo con attacchi e dinamo
  • … (esempi indicativi e non esaustivi)

Laboratorio teatrale “Blitz018.Confini” offerto dall’Associazione Vanghé

Lunedì e martedì 16 e 17 aprile, dalle 14 alle 18, presso la Comunità Oklahoma si tiene un laboratorio teatrale in due incontri da 4h, rivolti a 10-15 dei nostri ragazzi. Il laboratorio è offerto in regalo dall’associazione Vanghè presieduta da Laura Gamucci, che a sua volta ha vinto un contributo di Ca.Ri.P.Lo per portare il progetto in giro per l’Italia.

Il progetto BLITZ che Margherita Ortolani conduce a Palermo dal 2004, è un progetto di formazione dedicato a giovani attori “inconsapevoli”, cioè ragazzi per cui il teatro possa essere possibilità:

Nell’ultimo biennio, complice un’esperienza che ho fatto come guida per il Teatro delle Albe in Senegal, stiamo esplorando le varie potenzialità de teatro come strumento di integrazione. Lavoriamo, in rete con altre associazioni, nel quartiere di Ballarò. Ballarò è anche il quartiere in cui vi è più alta concentrazione di centri diurni e centri di prima e seconda accoglienza, a Palermo. I ragazzi con cui lavoriamo provengono da questi centri, ed hanno un’età media che va dai 14 ai 18 anni (Margherita Ortolani)

Margherita Ortolani è artista sensibile alla formazione degli adolescenti immigrati per via delle numerose esperienze che ha alle spalle nelle realtà di Palermo dove abita e in Africa dove segue alcuni progetti educativi con le ong di alcuni paesi.

All’interno di BLITZ si inserisce CONFINI, il laboratorio teatrale in cui si propone, a  gruppi interessati ad incrociare il percorso di BLITZ, la formula di lavoro. Al centro vi sono ascolto, ritmo e bilanciamento dello spazio, per quanto riguarda il training fisico, ed una fase creativa che si attiva grazie al riconoscimento delle dinamiche e delle esigenze del gruppo. In genere si lavora su un tema, in cui si possono far confluire in modalità virtuosa, le diverse esperienze delle varie tappe del progetto più ampio.

GRAZIE A MARGHERITA OLDANI, LAURA GAMUCCI E VANGHÈ!

 

 

Oklahoma al Mongol Rally 2018

Il 15 luglio in una località segreta vicino a Praga si svolgerà un party selvaggio riservato agli equipaggi che, il giorno dopo, partiranno per il Mongol Rally.

Ogni equipaggio a bordo di un’auto di cilindrata non superiore a 1200 cc e che, in base al regolamento dell’organizzazione inglese, deve essere rigorosamente una “shitty car”, partirà in direzione Ulan Ude (in Siberia, quasi al confine con la Mongolia).

L’itinerario, grosso modo, implicherà l’attraversamento di Turchia, Iran, Turkmenistan, Uzbekistan, Tagikstan, Kirghizistan, Kazakistan, Russia, Mongolia e ancora Russia.

Si tratta di un rally non competitivo, senza prove speciali, senza un percorso predeterminato: in altre parole senza regole (o quasi).

Scopo principale del Mongol Rally è quello raccogliere almeno 1000 sterline (ad equipaggio) da dividere tra Cool Earth (organizzazione ambientalista sostenuta dagli organizzatori del Mongol Rally) ed una Onlus a scelta dell’equipaggio (nel nostro caso: Comunità Oklahoma Onlus).

Per portare a termine questo rally occorre una buona preparazione fisica, una grande capacità di guida fuori dall’asfalto, un minimo di competenza meccanica e soprattutto un pizzico di sana follia.  A 18 anni, normalmente, almeno il 50% di questi requisiti sono soddisfatti. Scopo della nostra partecipazione al Mongol Rally è verificare – dal punto di vista scientifico – se questi requisiti possono sussistere in un allegro gruppo di ultracinquantenni:

Per Oklahoma parteciperanno due indomiti equipaggi chiamati OKLAHOMA 1 e OKLAHOMA 2.

“Storia di 7 ultracinquantenni – e 1 riserva – che hanno 18 anni nello spirito”

(Per fare una cosa stupida bisogna avere circa 18 anni)

Ecco i nostri eroi:

Emanuele Martinoli: ha 56 anni. E’ sposato con Francine e ha tre figli. E’ avvocato civilista. Pratica (o ha praticato) quasi tutti gli sport (gli manca il rugby, il curling ed il parapendio) con lo stesso spirito con cui la squadra giamaicana ha partecipato alle Olimpiadi invernali di Calgary (tanto per dire: ultimo classificato, nei tempi regolamentari alla Maratona di Milano del 2014). Conosce la Comunità Oklahoma da quasi vent’anni e, da circa 9 anni, ne è il Presidente, carica che ha accettato, solo dietro la richiesta dei dipendenti dell’Oklahoma e con il consenso espresso della moglie e del suocero. Da allora, oltre ad occuparsi della propria famiglia e del proprio lavoro (con cui cerca di sfamare la propria famiglia) perde il sonno per pensare a come meglio sostenere le attività della Comunità Oklahoma.

Michele Gallizia: ha 56 anni. E’ sposato con Benedetta e ha due figli. Lavora presso una multinazionale che opera nel settore del bricolage e del fai-da-te. Al contrario di Emanuele ottiene sempre grandi risultati in tutti gli sport che pratica. Ha partecipato a diversi rally (tra cui il Rally dei Faraoni e la Parigi Dakar), ha alle sue spalle (e nelle sue gambe) diverse maratone, ultra trail e 3 edizioni del Tor des Geants. Tramite Emanuele ha conosciuto la Comunità Oklahoma e in più occasioni ha “corso” per l’Oklahoma diventandone uno dei più attivi fund raisers.

Antonio Strada: ha 57 anni. E’ sposato con Luisa e ha 4 figlie. Gestisce con successo l’azienda agricola di famiglia a Scaldasole (PV), di cui è vicesindaco. E’ stato il primo compagno di staffetta di Emanuele nella prima Maratona di Milano cui ha partecipato l’Oklahoma (2010). Grande sostenitore del metodo Galloway (un po’ si corre e un po’ si cammina), dopo avere corso maratone in tutto il mondo, si sta ora avvicinando al mondo delle ultra maratone. Raggiungerà la banda a Erzurum in Turchia, saltando i primi 3770 km dell’avventura. Ha inventato scuse di lavoro, ma secondo noi vuole farsela a piedi fino alla Turchia. Lo abbiamo accettato in squadra solo perché speriamo che sia in grado di negoziare al meglio anche con le guardie di frontiera più cattive. Nella peggiore delle ipotesi speriamo che si limitino a soddisfarsi su di lui.

Guido Daccò: ha 53 anni. E’ sposato con Emanuela e ha 2 figli. E’ dottore commercialista, esperto di amministrazione e contabilità. Dal punto di vista atletico ha provato, senza successo, la tecnica della camminata alternata al divano. In compenso è’ un grandissimo viaggiatore e dovremo cercare di tenerlo a bada per evitare che ci faccia allungare troppo la strada o che ci faccia soggiornare troppo a lungo in qualche galera (a causa della sua curiosità innata, spesso va dove non si deve: non si accorge mai dei cartelli con sopra scritta “DIVIETO DI INGRESSO”). Anche lui ci raggiungerà a Erzurum in Turchia. Come scusa ci ha detto che vorrebbe fare il primo pezzo del percorso “corricchiando”, ma temiamo che sia trattenuto a Milano da motivi di lavoro. Da molto tempo è impegnato anche nel sociale, spendendosi in prima persona per diverse iniziative benefiche. Si è avvicinato recentemente all’Oklahoma, di cui ha apprezzato, in particolare, la cucina.

Benedetta Brambilla: E’ giovane ed è sposata con Michele (i figli sono gli stessi). E’ un medico di base ed è stata accettata, non solo perché una delle due Panda è intestata a lei, ma anche perché ci si attende che sia munita di un infermeria sufficiente a lenire i dolori quotidiani degli altri membri dell’equipaggio. Ci raggiungerà a Erzurum, lasciando che il marito possa “spassarsela” per i primi 3377 chilometri.

Francesca (Francine) Orlando: Anche lei è giovane ed è sposata con Emanuele (i figli sono gli stessi). E’ una “prof.” di matematica e fisica al Liceo Tenca di Milano. E’ stata accettata perché se veniva Benedetta doveva poter venire anche lei. E’ famosa per non fermarsi mai e per fare mille cose insieme, mentre Emanuele sta pensando a come farne una. Da lei ci si aspetta che compensi con un sano attivismo la pigrizia di Emanuele e che sproni gli equipaggi in ogni circostanza, nonché che sappia aituarci a risolvere con metodo scientifico qualsiasi problema meccanico o di sopravvivenza che ci si presenti.

Ursula Benetti Genolini: Anche lei è giovane. E’ sposata con Luca ed ha tre figli. Avvocato civilista, con particolare riferimento al diritto di famiglia, è una paladina delle “pari opportunità” (infatti è riuscita a fare accettare delle donne negli equipaggi). Non ha la patente, non ama gli sport, ma in compenso è capace di leggere un libro alla settimana (e di capirlo): insomma è l’intellettuale del gruppo. Avrebbe voluto partecipare a tutto il viaggio, ma, dopo avere ottenuto la partecipazione di donne in squadra, si è dovuta accontentare di fare la “riserva”. Si è iscritta ad un corso di voodoo e passa il tempo a piazzare spilloni in bamboline somiglianti agli altri membri dell’equipaggio, per i quali organizza visite gratuite nei Reparti “Malattie infettive sconosciute” di qualsiasi ospedali d’Italia.

Antonio Cornacchione: Ha 58 anni e soffre maledettamente di essere il più vecchio del gruppo. Non è sposato e ha un figlio (Amerigo 21 anni). Sostiene di essere attore teatrale, personaggio televisivo e comico, ma, in realtà, è noto (peraltro solo a Montefalcone nel Sannio, suo luogo di nascita) per avere vinto il premio di “Molisano dell’Anno” del 2007. Sostiene di essere un grandissimo viaggiatore (in realtà, fuori dall’Italia, è stato solo in Svizzera e in Irlanda). Lo abbiamo convinto a partecipare promettendogli che si dormirà in albergo e avrà una stanza singola con bagno, doccia e bidet: forse nel tratto tra Praga e Erzurum riusciremo a mantenere quella promessa almeno per una notte. N.B. Antonio è convinto di esere un grande atleta perché, nel 2011, ha fatto l’ultima frazione di una staffetta che ha corso la Maratona di Milano a favore dell’Oklahoma: da allora, tuttavia, soffre di sciatalgia canaglia e ha sostituito le scarpe da jogging con le infradito.

La prima volta che abbiamo pensato al Mongol Rally eravamo in due (Emanuele e Michele). Emanuele andrebbe in capo al mondo per l’Oklahoma (un associazione che, al Gratosoglio – periferia sud di Milano –  gestisce una comunità per minori in stato di disagio). Michele, che da sempre gira il mondo, pur di trovare un compagno di viaggio per andare in Mongolia con la sua Panda era disposto ad accettare anche Emanuele (i due si conoscono da quasi 40 anni). Subito si era aggiunto Riccardo, che aveva cominciato a raccogliere informazioni su visti, itinerari ecc. Purtroppo Riccardo è stato posto dalla vita di fronte ad una dura scelta: avventurarsi nel Mongol Rally, o avventurarsi in un nuovo lavoro che (si spera per lui) lo dovrebbe riempire di soldi fino all’orlo? Dopo mille tentennamenti, Riccardo ha scelto l’avventura di durata più lunga, ma, dietro le quinte continua a seguirci.

Ai membri originari si sono aggiunti Antonio (cognato di Michele e possessore di un’altra Panda gialla) e Guido (cugino di Antonio). Questi ultimi due, tuttavia, adducendo motivi di lavoro, hanno chiesto di potere raggiungere gli altri due a Erzurum in Turchia (il loro biglietto di aereo è per il 20 luglio).

L’idea di doversi fare da soli il viaggio da Praga a Erzurum non piaceva molto ad Emanuele e Michele e così si è deciso di accogliere nei team altri due membri.

La prima a proporsi è stata Ursula, amica di tutti e compagna di viaggi ideale (basti dire che non ha la patente). Antonio, senza consultarsi con gli altri, ha “aperto” alla partecipazione di membri di sesso femminile. La notizia è giunta alle orecchie di Benedetta (moglie di Michele) e Francine (moglie di Emanuele), che, hanno chiesto di partecipare a loro volta e con preferenza rispetto ad Ursula. Dopo molti tentennamenti, un altro Antonio (detto “Antonio C.”, si è offerto di unirsi alla banda, ma solo nel tratto tra Praga e Erzurum.

Alla fine i due equipaggi (non fissi) saranno così composti:

Da Praga a Erzurum: Emanuele, Michele e Antonio C.

Da Erzurum a Ulan Ude: Emanuele, Michele, Antonio S. Guido, Benedetta e Francine.

Riserva: Ursula

Festa “dopo la Maratona”

Invito ufficiale per TUTTI coloro che vogliono festeggiare con noi dopo la splendida giornata della Maratona di Milano (svoltasi l’8 aprile). Runner, volontari ma anche amici che non hanno potuto partecipare: vi aspettiamo

GIOVEDÌ 19 APRILE, A PARTIRE DALLE 19:30, festa in comunità con ricco buffet, premiazioni e sorprese, le foto della Maratona, tutte le novità della Comunità e, come sempre, tanti sorrisi e amicizia da scambiare!

Ringraziamo in particolare tutti i volontari che hanno lavorato per noi, per farci passare una giornata serena di corsa e di divertimento e i nostri sponsor:

Alipharma

MollFAM Fascettashop
L’angelo della casa
Cibelli Odontoiatria
Metà Tempo Corre con Timex

A TUTTI DIAMO APPUNTAMENTO A GIOVEDÌ.

Diffondete e confermate, grazie!

MollFAM e FascettaShop sponsor di Comunità Oklahoma alla Milano Marathon 2018

MollFam, leader nel suo settore, è un’azienda del territorio di Settimo Milanese. Si occupa della progettazione e produzione di molle a compressione, trazione, torsione e minuterie metalliche tranciate e piegate per tutte le industrie, nonchè fascette stringitubo in filo e nastro adatte alle più svariate applicazioni. Vende anche online attraverso il sito FascettaShop!

Ilario Spazzadeschi, titolare di MollFAM FascettaShop, è un “sempre presente”, cioè uno dei corridori che hanno corso tutte e 18 le edizioni della Maratona di Milano. Perciò quest’anno è stato chiamato e intervistato da RDS al Marathon Village!

I suoi simpatici saluti:

Metà Tempo con “Timex” sponsor di Comunità Oklahoma alla Milano Marathon 2018

Metà Tempo è un negozio di gioielli e orologi che si trova in via Quarenghi 23 a Milano (all’interno del Centro Commerciale Bonola).

È caratterizzato da:

  • Prodotti delle migliori Marche a metà prezzo
  • Servizio di assistenza tecnica effettuato da personale altamente qualificato
  • Sostituzione Pile e Cinturini immediato.

 

Metà Tempo ha deciso di “correre con Timex” e di sponsorizzare la corsa della Comunità Oklahoma alla Milano Maraton 2018.

GRAZIE!

 

 

Alipharma sponsor di Comunità Oklahoma alla Milano Marathon 2018

Sponsor della Comunità Oklahoma alla Maratona di Milano 2018,  Alipharma produce packaging primario per aziende farmaceutiche.

Competenza, consolidata esperienza e forte propensione all’ innovazione da oltre dieci anni  ne guidano l’operatività e la rendono interlocutore  affidabile.

Un vasto assortimento di prodotti di qualità certificata, unito al  servizio di stock service  e alla realizzazione di articoli personalizzati, rendono Alipharma partner flessibile nel soddisfare le esigenze di ogni singolo cliente.

Alipharma per il secondo anno di fila ha scelto di sponsorizzare la Maratona di Milano di Oklahoma.

I simpaticissimi saluti del titolare Stefano Magnaghi:

Merenda con il Coro

Giovedì 12 aprile 2018 alle ore 17 la Comunità Oklahoma, con il laboratorio La Cucina di Albert, organizza la merenda per un grande evento: l’esibizione del Coro dei Leoni – integrazione attraverso la musica.

Il Coro dei Leoni nasce nel settembre 2013 all’interno dell’IC Statale di via Palmieri per iniziativa di alcune insegnanti e del maestro Andrea Carnevali. Il coro è costituito esclusivamente da alunni della scuola primaria ed è l’unico coro di bambini a Milano a cantare fluentemente in una ventina di lingue straniere. Esso si pone come buona pratica di integrazione attraverso la musica in una zona della città, il quartiere Stadera, ricchissima di culture diverse, ma anche esposta al rischio di fragilità sociale e di conflittualità. Ogni bambino della scuola canta, oltre che nella propria lingua madre, anche in quelle di tutti gli altri: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, rumeno, russo, turco, arabo, ebraico, cinese, hindi, giapponese, coreano, filippino ecc. Questo ha portato inizialmente a una felice scoperta del mondo musicale degli altri e conseguentemente a una straordinaria coesione tra i bambini. Il Coro dei Leoni si esibisce in formazioni variabili dai 20 ai 350 elementi.

Un appuntamento imperdibile per la Baia del Re: 100 bambini del Coro dei Leoni si esibiscono assieme al Maestro Andrea Carnevali presso la Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa, via Neera 24, Milano, cortile o (in caso di pioggia) sottochiesa.

Alle ore 17 la merenda per i bambini del coro è organizzata dalla Comunità Okahoma!

Organizzazione:

Con il patrocinio di:

  • Consiglio di Zona 5, presidente Alessandro Bramati
  • Comune di Milano Municipio 5

Grazie Mario Donadio e Centro Culturale Conca Fallata per questa opportunità!

E grazie a tutti i volontari che hanno aiutato a organizzare, preparare, servire, sistemare! GRAZIE!! Cristina, Lida, Luigi, Ornella, Marina, Rosaura, Spiro…

 

Cibelli Studio Odontoiatrico sponsor di Comunità Oklahoma alla Milano Marathon 2018

Sponsor della Comunità Oklahoma alla Maratona di Milano 2018, CIBELLI STUDIO ODONTOIATRICO è una struttura sanitaria autorizzata per la diagnosi e la cura delle patologie del cavo orale sia nell’adulto che nel bambino.

Offre tutti i servizi di odontoiatria generale, estetica dentale, implantologia e coniuga i continui progressi tecnologico-scientifici in campo dentale, con la centralità nei confronti del paziente messo a completa conoscenza degli interventi proposti.

Grazie a 3 unità operative, una sala radiologica, un’area dedicata alla decontaminazione e sterilizzazione e un’accogliente sala di attesa, rappresenta un’evoluzione in termini di strumentazione, garantendo prestazioni odontoiatriche di eccellenza, attraverso un’accurata selezione delle competenze, passione ed entusiasmo.

“Il nostro obiettivo è quello di offrirvi tecnologie sempre efficaci e prestazioni altamente qualificate in tutte le aree specialistiche al fine di mantenere, o ripristinare, le condizioni di salute orale del paziente.”

CIBELLI STUDIO ODONTOIATRICO è situato in Piazza del Rosario 1 a Milano.

 

L’Angelo della Casa sponsor di Comunità Oklahoma alla Milano Marathon 2018

Sponsor della Comunità Oklahoma alla Maratona di Milano 2018, L’Angelo della Casa si dedica a risolvere i problemi che purtroppo si verificano in casa e che non si possono risolvere da soli o per i quali ci si vuole affidare ad un professionista. Effettua piccoli e grandi lavori di riparazione sia di idraulica che di elettricità; realizza e posa impianti di condizionamento e ne effettua la manutenzione, pulizia e debatterizzazione; realizza e posa nuovi serramenti sia esterni che interni; realizza e posa pavimentazioni in parquet prefiniti e massello. Vi aiuta anche se avete bisogno di ristrutturare un locale oppure il vostro intero appartamento!

Angelo Triggiani nasce a Torino nel 1970. Nel 1993 matura la prima esperienza nel campo dell’impiantistica termoidraulica; nel 1995 forma una società di ristrutturazioni e nel 2001, dopo un anno di matrimonio, decide di trasferirsi a Milano e realizzare i desideri lavorativi suoi e di sua moglie Federica, giornalista. Qui realizza impianti e ristrutturazioni di appartamenti, strutturandosi così per risolvere qualsiasi tipo di esigenza (oltre a dedicarsi all’ampliamento della famiglia!).

Dice Angelo:

“L’Angelo della casa”, il nome che abbiamo voluto dare a questa nuova iniziativa, è legato al concetto di persona che si aveva qualche decennio fa, quando “l’omino di fiducia” risolveva i problemi che si verificavano in casa.

Noi però aggiungiamo qualità ed una referenzialità che nasce dal passa parola ma è garantita da attestati a norma di legge, per la certificazione, effettuati dal nostro staff con rilascio delle dichiarazioni di conformità secondo le normative vigenti. Ci occupiamo di progettare e ristrutturare il vostro appartamento per realizzare i vostri sogni, ed effettuiamo lavori di impiantistica idraulica, elettrica, condizionamento, (iscritti all’albo FGAS) gas, allarme, fornitura e posa di serramenti, per darvi un servizio completo come si dice: “chiavi in mano” .